Se il prezzo IBEX 35: l’indice azionario della Spagna, l’indice azionario di riferimento della regione, è in ritardo rispetto ai coetanei dell’area dell’euro in termini di performance relativa, ciò non è dovuto al fatto che non ha un mercato sano. È perché l’indice soffre di una mancanza di esposizione alla seconda economia più grande del mondo. Ciò è stato in qualche modo migliorato dagli acquisti di azioni da parte del governo e dall’espansione di un sistema di sconti al dettaglio.

Il costo dell’assicurazione contro gli effetti di una crisi economica è in aumento in Spagna, quindi il governo ha preso provvedimenti per espandere il sistema di vendita al dettaglio per coprire le nuove richieste. Tuttavia, questa espansione potrebbe estendersi a una base più ampia, cosicché ad un certo punto in futuro potrebbe non essere necessaria. Quando arriverà quel momento e il paese si sarà completamente ripreso, sarà necessario ampliare il sistema di sconti per soddisfare la domanda.

Molti dei costi che ora si applicano al sistema di vendita al dettaglio – tra cui l’imposta sulle plusvalenze, l’imposta sulle successioni e l’imposta sulle plusvalenze – sono elevati a causa delle elevate aliquote fiscali e delle entrate fiscali elevate che seguirono anni di calo delle entrate fiscali. Per qualche ragione, queste tasse continuano ad applicarsi ai piccoli investitori nel sistema al dettaglio.

I piccoli investitori pagano anche meno le tasse sugli investimenti rispetto ai grandi investitori quando effettuano acquisizioni di azioni. È difficile capire perché il settore bancario spagnolo dovrebbe consentire che accada una cosa del genere.

Questo è uno dei tanti punti all’ordine del giorno dell’IBEX-35 che sta raccogliendo polvere a causa della mancanza di azione. Il ministro delle finanze ha annunciato il mese scorso che il suo dipartimento aveva completato un altro anno di lavoro sull’indice.

Una delle cose che sono state introdotte dallo scorso anno è un maggiore input dal mercato stesso e ha significato che l’indice ha ora incorporato informazioni da varie fonti. Ciò probabilmente porterà ad alcune modifiche considerevoli all’indice poiché l’indice cerca modi per tenere conto delle informazioni più recenti.

Quindi, quali sono i problemi di IBEX-35? Esistono tre principali, il primo dei quali è che l’indice di vendita al dettaglio è stato originariamente progettato per tenere conto sia delle piccole che delle grandi aziende.

In pratica, tuttavia, solo le grandi aziende stavano prendendo parte al regime. Ciò ha reso difficile distinguere le differenze tra le piccole e grandi società. È possibile che ci sia una revisione di questo e di molti altri problemi se l’indice continua a ritardare le società più grandi.

La seconda area di interesse è che il sistema di vendita al dettaglio che è stato creato dal governo ha coperto solo una piccola parte dell’intero mercato azionario spagnolo. Ciò significa che quelle società che non fanno parte del regime non beneficiano dell’accesso alle azioni internazionali a basso costo che altrimenti potrebbero ottenere. Un modo per fornire loro tale accesso è rivedere lo schema di vendita al dettaglio.

La terza area è quella che sembra riguardare coloro che gestiscono l’organizzazione IBEX-35. Dicono che l’indice non è stato in grado di usare la sua influenza per indurre le multinazionali a impegnarsi a investire in Spagna.

Questa è una critica legittima, anche se ci sono poche indicazioni che le multinazionali non abbiano avuto successo in termini di decisioni commerciali. Tuttavia, se avessero scelto di investire in Spagna, sarebbero stati vincolati dall’indice, cosa che potrebbero trovare difficile da fare, dato lo scarso rating dei creditori del paese.

Se l’indice deve crescere di statura, avrà bisogno di un record più forte di successo nella diffusione della ricchezza. L’indice potrebbe non voler espandersi ulteriormente senza ulteriore aiuto da parte del governo e delle multinazionali.