Con l’incontro del FOMC di giugno che si terrà a sole due settimane di distanza, il rimbalzo del prezzo dell’oro è iniziato ed è ancora al centro dell’attenzione mentre la Federal Reserve cerca di utilizzare strumenti non standard nel tentativo di rilanciare l’economia americana. Mentre il pubblico è concentrato sulle questioni reali, il fatto che la Fed stia cercando di utilizzare strumenti non standard per stampare più denaro per salvare le banche mentre questo processo serve a svalutare ulteriormente il dollaro chiarisce che la Fed sta cercando di usa questi strumenti per abbassare artificialmente il prezzo dell’oro.

Quello che sappiamo per certo è che i migliori politici stanno prendendo in considerazione la possibilità di consentire alle banche di continuare a utilizzare i Treasury a breve termine al posto di una forma di prestito più standard. Mentre l’attuale programma che la Fed sta prendendo in considerazione ha un interesse relativamente basso, rappresenta un tentativo di utilizzare lo strumento di carta commerciale come ponte fino a quando i prestiti a più lungo termine non vengono emessi dalla banca centrale.

La banca centrale sta usando questi prestiti a breve termine al posto della crisi dei mutui subprime al fine di contenere artificialmente i tassi di interesse sui prestiti. Sembra che il FOMC stia tentando di evitare una ripetizione del danno che ha seguito il fiasco del prestito subprime perché questa volta la banca centrale lo sta facendo usando prestiti a breve termine.

Ciò non sorprende perché, per quanto riguarda il FOMC, i tassi di interesse sono già stati ridotti a causa delle misure di austerità già attuate dal Congresso. La Fed non è preoccupata per eventuali danni collaterali o perdite collaterali.

La semplice verità è che questa è semplicemente l’ultima mossa del FOMC in quanto tenta di incoraggiare il mercato a pensare che abbia un piano praticabile per ripristinare la sua credibilità. Tale processo è iniziato cercando di utilizzare l’ultimo salvataggio come leva per facilitare un nuovo salvataggio.

Come possono testimoniare coloro che hanno assistito a questi eventi, la Fed non ha mai avuto molta credibilità quando si tratta di decidere il modo migliore per gestire la crisi bancaria. La realtà è che l’economia degli Stati Uniti è attualmente in rovina e, quando il Presidente ha deciso di interrompere l’assistenza di liquidità di emergenza della Fed (ELA), l’emorragia economica è stata rapida e selvaggia.

La Fed è stata quindi costretta a sfruttare le sue ampie riserve di liquidità in eccesso per invertire gli effetti negativi delle proprie azioni. Nel frattempo, il crollo del settore finanziario europeo ha scatenato un panico totale che si tradurrà in una sorta di ristrutturazione da parte dei poteri monetari internazionali e un denominatore comune sarà la necessità di un insieme comune ed equo di norme per la fornitura di credito.

A questo proposito, la Federal Reserve ha studiato il piano IRA che è stato presentato dal presidente Obama. Lo scopo dell’IRA è di alleviare la pressione sulla politica fiscale degli Stati Uniti fornendo alle banche un modo per recuperare i soldi che hanno preso in prestito dal governo degli Stati Uniti durante le recessioni.

Sfortunatamente, la Federal Reserve vorrebbe sbarazzarsi dell’IRA poiché costituisce una minaccia per le politiche monetarie espansive in atto. Tuttavia, se viene adottata la proposta presentata dall’amministrazione Obama, è probabile che la Federal Reserve utilizzi il suo stock di oro per sostenere il prezzo dell’oro.

Quando ci pensi, ha senso che la Fed acquisti oro per sostenere il prezzo dell’oro e mantenerlo elevato e stabile piuttosto che far precipitare il prezzo dell’oro. Usando le sue riserve auree per aumentare il prezzo dell’oro, la Fed può affermare che è improbabile che stamperà mai altri trilioni di dollari per salvare le banche ed è abbastanza probabile che l’economia americana si riprenda molto rapidamente.

Tuttavia, dobbiamo chiederci: se la Fed dovesse mai farlo, quanto comprerebbe in grandi quantità? Dal momento che i prezzi dell’oro non saliranno molto al di sopra dei $ 1000 l’oncia, la Fed accumulerebbe un grande volume di oro piuttosto che sostenere il mercato con la stessa quantità di valuta che attualmente fa.

Questo tipo di rimbalzo del prezzo dell’oro, ovviamente, sottoporrà la Federal Reserve a un tremendo controllo da parte di una varietà di attori politici a Washington. Più di ogni altra cosa, questo processo cercherà di determinare quanto sia disposta l’amministrazione Obama a prendere decisioni difficili in modo da non indebolire ulteriormente l’economia americana.